La scuola è di tutti. Ripensarla, costruirla, difenderla.

26 03 2011

Coraggioso e universale. Bastano questi due aggettivi per descrivere La scuola è di tutti, il bel libro di Girolamo De Michele. Coraggioso perché De Michele con metodo e rigore, attraverso una ricerca ampia e documentata fa piazza pulita di tutti i luoghi comuni usati dall’informazione di regime e dai suoi cortigiani per attaccare la scuola pubblica italiana e devastarla. Tutti gli argomenti utilizzati dai servi del potere per screditare la scuola, come ad esempio l’emergenza educativa e l’emergenza bullismo, nel libro sono affrontati uno a  uno e dati alla mano con argomentazioni acute vengono regolarmente smontati. Nulla è lasciato al caso, tutte le fonti sono citate, la bibliografia imponente.

Universale perché, richiamando il titolo, il libro è di tutti, e tutti dovrebbero leggerlo. Sicuramente dovrebbero leggerlo quelli che a scuola ci vanno e quelli che a scuola ci lavorano. Dovrebbe essercene una copia in ogni classe, diventare oggetto di discussione e approfondimento: gli argomenti non mancano il libro è ricchissimo. Svela quali interessi economici ci siano dietro la strategia di indebolimento della scuola pubblica e come l’istruzione possa diventare un affare. Spiega le politiche per rafforzare la scuola privata e le lobby potenti che perseguono questo obiettivo, da Confindustria a Comunione e liberazione, anche se sarebbe meglio dire in quest’ultimo caso Comunione e fatturazione. Si spinge nelle scienze cognitive e nella linguistica citando Lakoff: Elefanti, padri severi e altri fantasmi,ovvero: perché ci raccontano un sacco di balle? Un breve ma interessante capitolo sulla comunicazione politica, riassumibile nel concetto: mai dire la verità se puoi cavartela a forza di stronzate.

Per una scuola della Costituzione è l’ultima parte del libro. In questo capitolo De Michele sottolineando che l’intera scuola educa alla cittadinanza ci mette in guardia dal fascismo pedagogico e dal fascismo di ritorno e ci invita a tornare a Piero Calamandrei: “La scuola, come la vedo io, è un organo <<costituzionale>>. Ha la sua posizione, la sua importanza al centro di quel complesso di organi che formano la Costituzione. […] Se si dovesse fare un paragone tra l’organismo costituzionale e l’organismo umano, si dovrebbe dire che la scuola corrisponde a quegli organi che nell’organismo umano hanno la funzione di creare il sangue”.

“Credo che la difesa della scuola sia, senza mediazioni, difesa della Costituzione, così come la difesa della Costituzione non può darsi senza difesa della scuola”.

Un libro da comprare, leggere e diffondere

Girolamo De Michele oltre a scrivere romanzi e saggi insegna in un liceo.

h.

Alcuni siti: http://www.minimumfax.com/libri/scheda_libro/471     https://anoipiace.wordpress.com/2010/09/12/per-la-scuola/   

Qui invece potete ascoltare e scaricare la presentazione del libro a cura dello stesso De Michele e Wu Ming 1. Sono due ore di registrazione ma vi assicuro che vale la pena di ascoltarle: http://loredanalipperini.blog.kataweb.it/lipperatura/2010/11/25/meteorologia/

Annunci

Azioni

Information

One response

26 03 2011
La scuola è di tutti. Ripensarla, costruirla, difenderla. « A noi …

[…] Articolo Originale:  La scuola è di tutti. Ripensarla, costruirla, difenderla. « A noi … Articoli correlati: Test nazionale a Scienze politiche, Trieste spiega […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: