Le lacrime della Fornero i compensi di Monti. Prime considerazioni di rabbia alla dittatura dei tecnocrati.

5 12 2011

Rigore, equità, crescita. Con queste tre parole Mario Monti ha presentato la quarta manovra finanziaria dell’anno. Abituatevi, le ripeteranno come un mantra nei prossimi mesi, lo faranno per ficcarcele bene in testa, non hanno alternative tanto è scomoda la verità; se pensiamo al significato di queste parole e lo caliamo nel contesto attuale, immediatamente ci accorgiamo che il Monti ci sta raccontando balle, falsità, stronzate. Sì, ieri sera nella conferenza  stampa Mario Monti & Company ci hanno raccontato un mucchio di stronzate. I tecnocrati e i politici venduti ai loro interessi ci raccontano balle da almeno trent’anni con ottimi risultati, per loro ovviamente: hanno trasformato i cittadini in sudditi, il programma per il futuro è renderci schiavi. Evviva il progresso.

Questa volta per intortarci meglio hanno aggiunto qualcosa in più, il lato umano, l’emozione, le lacrime. La Fornero si è commossa sui sacrifici, degli altri naturalmente. Lei piangeva e a me giravano, perché non adeguare le pensioni all’inflazione è un po’ come sparare sulla croce rossa. È IGNOBILE, VILE. È UNA BESTEMMIA. Ciò succede dopo che INPS e INAIL ci hanno spiegato che i pensionati italiani sono tra i più poveri in Europa e con le pensioni che in 10 anni si sono svalutate mediamente del 30% nonostante l’adeguamento. È la nuova strategia del governo delle destre: sapendo che il giochino dell’innalzamento dell’età pensionabile prima o poi finisce puntano sulla svalutazione. Attenzione, lo fanno con metodo, infatti nella manovra c’è una bella spinta inflattiva, l’aumento dell’IVA e delle accise sui carburanti. Per ogni punto di svalutazione delle pensioni il governo risparmia e i ricchi guadagnano, una specie di scala mobile al contrario. Per Monti si chiama equità invece è un imbroglio.

Mario Monti è odioso. Lo sottolineo perché ci tengo a precisarlo. È ciò che penso. Il “gesto nobile” di rinunciare al compenso di primo ministro in realtà è una carognata. Quel gesto è uno dei tanti privilegi che si può permettere solo una persona nella sua posizione, è un gesto che noi “umani” non ci possiamo concedere e nemmeno pensare. Dunque, un privilegio. Un uomo che vive soltanto del suo lavoro non può rinunciare al suo compenso, chi vive di rendita sì. E poi sono sicuro di un fatto, dagli anni ’80 ad oggi il reddito di Mario Monti è aumentato, credo di molto, mentre per pensionati e lavoratori dipendenti c’è stato un impoverimento progressivo a causa delle politiche liberiste di cui Monti è stato, e lo è tuttora, un accanito sostenitore.

Ma era una manovra necessaria, manovra salva Italia ci hanno spiegato. È allora che ho compreso che in Italia esiste una terra di nessuno abitata da lavoratori salariati e pensionati, dove vengono massacrati in nome del rigore, dell’equità e della crescita.

Ope

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: