La solitudine degli operai (intro)

4 02 2012

Impressiona il silenzio che si è venuto a creare intorno alla condizione operaia: rispetto al peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro e rispetto alla continua e palese violazione dei diritti, da quelli minimi a quelli costituzionali.

Sconvolge l’arroganza e la supponenza cieca e sorda dei molti, che inadeguati nell’affrontare la crisi, incapaci di un’analisi che non sia meramente ideologica ripropongono ricette vecchie di trent’anni inutili e dannose, come la storia seppur recente ci insegna; tuttavia, codesti Signori Professori, continuano, perseverando, con non poco sadismo, a ritenere responsabili dei mali del mondo gli umili operai, e contro questi ultimi, concentrano le loro malsane attenzioni, appellandosi pomposamente all’interesse generale, anche se, questo interesse generale coincide casualmente con l’interesse dei ricchi e dei potenti. Forti di un unico pensiero gli  Esperti del Governo, appellandosi tecnici, dunque neutrali, a essere di parte si sa sono sempre altri, infliggono alla classe operaia le moderne teorie del progresso, che si fondano sulla cancellazione dei diritti affinché i privilegi possano prosperare.

Così, secondo queste moderne teorie, l’operaio deve essere flessibile, precario, licenziabile; l’operaio deve costare poco, non deve ammalarsi che altrimenti peserebbe sulla collettività, deve lavorare a lungo, tanto, ma soprattutto non deve protestare. All’operaio deve bastare il lavoro, che per il resto ci pensa il padrone. L’operaio è chiamato al sacrificio dalle alte cariche dello Stato, l’operaio deve immolarsi per la patria, la BCE, l’FMI, i Bot, lo Spread, il Pil e chissà quali altre diavolerie moderne.

Agli operai hanno sempre chiesto tutto, a nessuno però importa di come viva un operaio, come vivano le loro famiglie, a nessuno interessa cosa pensa un operaio, cosa sogna, cosa desidera un operaio: LA SOLITUDINE DEGLI OPERAI è tutta qui.

A. S.

Annunci

Azioni

Information

One response

5 02 2012
icittadiniprimaditutto

Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: