La solitudine degli operai (III parte)

25 02 2012

La foto a sinistra ritrae i delegati della Fiom/Cgil uscire dagli stabilimenti Fiat portandosi dietro le bandiere, i manifesti, i documenti di una lunga storia sindacale, interrotta il 1° gennaio 2012 con l’entrata in vigore del nuovo contratto aziendale, definito di primo livello, sostitutivo dei precedenti accordi interni e del contratto nazionale. I rappresentanti sindacali della Fiom erano stati regolarmente eletti e il loro mandato non ancora scaduto, ma sono stati destituiti da un abile colpo di mano orchestrato dall’azienda con la complicità di altre organizzazioni sindacali. La Fiom/Cgil con l’applicazione del CCSL (contratto collettivo specifico di lavoro) Fiat, non può eleggere i propri delegati, non può indire assemblee, non gode dei diritti sindacali previsti dalla legge e dal contratto, non può nemmeno affiggere un volantino alla bacheca sindacale.

Le lavoratrici e i lavoratori della Fiat non possono scegliere a quale sindacato aderire e da quale sindacato farsi rappresentare. Per Marchionne, la quasi totalità dei partiti, Fim Uilm e Fismic, si direbbe il trionfo della democrazia. Quella negata.

La notizia che i delegati della Fiom uscivano dalla fabbrica cacciati dal nuovo modello di relazioni sindacali (sic!) non ha destato grande scalpore e nemmeno molti commenti. Il silenzio che si è creato intorno alla vicenda è imbarazzante. A Pomigliano tra i lavoratori riassunti nella Newco, lo stabilimento dove si produce la nuova Panda, non c’è un solo iscritto alla Fiom. La Fiat in assoluto spregio della Costituzione e delle leggi dello Stato decide politiche discriminatorie sui programmi di riassunzione in base all’appartenenza sindacale: se sei iscritto alla Fiom non ti faccio lavorare. Anche qui pochi commenti e nessuna presa di posizione, sembra che tutto rientri nella normalità. I politici e parlamentari che durante il referendum tenutosi a Mirafiori, fortemente voluto dalla Fiat, dispensavano consigli – se io fossi un operaio… – e indicazioni di voto, non hanno  nulla da dire e nemmeno da chiedere, su una questione che, evidentemente, ritengono conclusa nel migliore dei modi. È un silenzio assordante, un silenzio che indigna, poiché tutti i parlamentari, di destra e di sinistra, tra i primi compiti a cui dovrebbero rispondere e assolvere c’è quello di fare rispettare la Costituzione, sicuramente non vi è quello di inchinarsi a Marchionne.

La Fiat ha da sempre utilizzato soldi pubblici: incentivi alla rottamazione, investimenti, ammortizzatori sociali; ha usufruito di aiuti e agevolazioni come nell’acquisto dell’Alfa Romeo; ha utilizzato risorse del territorio, uomini donne, ambiente. La Fiat dovrebbe rispondere oltre che alle Leggi italiane anche ad un principio di responsabilità sociale. Ma il manager con il maglioncino, ubicato in un luogo non meglio precisato tra Detroit, Torino e la Svizzera, se ne infischia del principio di responsabilità, delle leggi e della Costituzione Italiana. Marchionne risponde solo agli azionisti e ai loro profitti.

L’ultimo esempio è rappresentato dalla palese violazione della sentenza di Potenza sul licenziamento illegittimo dei 3 operai di Melfi. Reintegrati dal giudice non sono stati riammessi al lavoro, la Fiat ha comunicato che non intende avvalersi delle loro prestazioni lavorative. Un po’ come dire LA LEGGE SONO IO , PER IL RESTO ME NE FREGO. Anche su questa vicenda, silenzio.

Nel silenzio e nell’indifferenza generale: dei partiti, del governo, della grande stampa; i lavoratori, soli, continuano a difendere i diritti, la Costituzione, la dignità di uomini e donne, il lavoro, l’idea moderna di un’Europa fondata sullo stato sociale, la democrazia.

A. S.

Annunci

Azioni

Information

2 responses

25 02 2012
icittadiniprimaditutto

Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

26 02 2012
icittadiniprimaditutto

Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: